.
Annunci online

 

 

Hostfiles.org

the fly

Little Fly,
Thy summer's play
My thoughtless hand
Has brushed away.

Am not I
A fly like thee?
Or art not thou
A man like me?

For I dance
And drink and sing,
Till some blind hand
Shall brush my wing.

If thought is life
And strength and breath,
And the want
Of thought is death,

Then am I
A happy fly,
If I live
Or if I die.

william blake

<

"La sinistra, e in particolare quella
massimalista,
propone di rendere
uguali il figlio del professionista
e il figlio dell'operaio"
(Berlusconi, 3 Aprile 2006)


BlogGoverno 
Antipixel di SocialDust Blog Aggregator BlogItalia.it - La directory italiana dei blog
VIAGGI
22 aprile 2007
La terra, la guerra, una questione privata: il loop da hamsey green a ewell west
La terra
Si parte da un prato e da un albero solitario. Sono in cima ad una cava di gesso, ma io non lo so ancora. Devo scendere prima ai suoi lati e poi girarmi, sul ponte sopra la ferrovia. Ecco, lì c'è quel gesso su cui è stato costruito il Surrey, lo stesso gesso delle scogliere che danno le vertigini tra Eastbourne e Brighton e su cui oggi pesterò gli scarponi per tutte le miglia che seguono.

La guerra
Si risale dall'altra parte, oltre la cava e oltre l'antica strada bianca su cui correvano carrozze e cavalli verso il mare. Nascosta da una cortina di faggi e conifere, la grande spianata dell'aereoporto di Kenley. E' l'ultima pista rimasta, tra quelle della seconda guerra mondiale. Da qui partivano gli spitfires della battaglia d'Inghilterra. Ora i bambini imparano ad andare in bicicletta.

Una questione privata
Oltre Coulsdon si scende dolcemente verso Happy Valley e Farthing Downs. E' spuntato il sole, proprio nel punto più a sud del loop e il panorama idillico si guadagna il wallpaper del mio cellulare. Non resisto nemmeno alla tentazione di sedermi sulla panchina in cima alla valle e dare, maccheronicamente, una testimonianza della mia presenza con una pietra di gesso.

Mi sono appena lanciato nella foresta che mi arriva una telefonata. Dal mio posto di lavoro. No, ti prego, non dirmi che mi sono confuso con i turni e ora dovrei essere là! Siccome durante la mia prima settimana di lavoro mi sono sbagliato una volta, con una rabbiosa telefonata del mio capo a tirarmi giù dal letto, ora vivo nel panico di non essere al posto giusto al momento giusto. Per fortuna erano problemi di tutt'altra sorta. Io comunque mi perdo, mi spunta l'ennesimo capello bianco e a fatica riacquisto la tranquillità del viandante.

La terra dei Derby
Dopo un lungo tratto suburbano e l'immancabile campo da golf, capito in un giardino botanico, proprio nelle terre che furono della famiglia Derby, proprio quella delle corse dei cavalli (e apparantemente pure delle stracittadine, anche se non ho ben capito il collegamento).

La dura guerra al crimine e alle cause del crimine
Vicino ci hanno pure costruito una Prigione di Sua Maestà, e il sentiero che costeggia il muro di cinta (battuto dai cavalli, evidentemente per rendere impossibile una fuga a piedi dei galeotti) lo hanno chiamato appropriatamente, e con un certo gusto sadico,  freedown lane. Dopo c'è un ennesimo, enorme campo da golf. Mentre medito propositi criminosi di impronta totalitaria contro  questi pericolo pseudo-sportivi, dimostrazione definitiva della malvagità e decadenza borghese, sbuco a Banstead, dove la tappa sarebbe pure finita. Però alla stazione ci passa un treno ogni ora e io dovrei aspettare per 59 minuti, decido di proseguire lungo la tappa successiva.

Questioni private di oggi e di tanti anni fa
Arrivando a Ewell East con mio sommo terrore, che sto passando proprio dietro al mio posto di lavoro (e quindi che se proprio avessi cannato turno, al lavoro ci sarei pure potuto andare a piedi) e proseguo il più in fretta possibile fino al Nonsuch Park. La cosa interessante di questo parco è che al suo posto 500 anni fa ci stava un villaggio, che quello scismatico lussurioso di Enrico VIII ha fatto demolire (chiesa inclusa) per costruirsici un palazzo. Come giustizia vuole, Enrico morì obeso, di gotta e sifilide prima di vedere terminato il palazzo, di cui ora comunque rimane solo qualche rovina, su cui il mitico Bansky a voluto graffittare un degno epigramma.

Oltre c'è Ewell West, con la cella al fresco per chi si ciuccava la notte e un arco bianco, dove prendo il mio autobus.

sfoglia
marzo        maggio
Ultime cose
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
Feed
blog letto 1 volte


IL CANNOCCHIALE